Review: Quasi amici (2011)

Tratto da una storia vera, Quasi amici racconta di un paralitco e del suo badante che, per l’appunto, diventa un amico: il titolo è errato, perchè nasce una vera e propria amicizia. In questa storia si fondono due ceti sociali in una perfetta armonia che porta a compensare le due parti: l’una impara dall’altra.

Il ricco paralitico che fin’ora era rimasto chiuso nel mondo opaco dell’alta borghesia scopre un lato umano -a volte-, forse, grottesco, ma contornato da una sana allegria fatta di veri sorrisi. E poi il badante, che conosce un mondo tutto nuovo scoprendo un lato culturale fin’ora a lui sconosciuto.

Come dicevo prima, un connubio armonioso che dalla realtà viene ben adattato al grande schermo come commedia. Una commedia fatta di emozioni da cui imaprare qualcosa, ma dove non mancano ironia e sarcasmo. Della figura del badante -co-protagonista- potrebbe pensarsi che ad un certo punto diventi l’uomo del “risolvo tutto io” come in qualche commedia americana infinitamente scontata, ma invece ogni comportamento di esso si adatta bene alla storia: in quest’ultima non ci sono momenti scontati o facilemente prevedibili. Un film per tutti, dalla buona regia e tecnicamente esatto.

voto: 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...